Articoli

Radici e ali

Un antico proverbio dice: ”Vi sono due cose durevoli che possiamo sperare di lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali’’. Riscopriamo le nostre radici e ridiamo voce ai nostri temi e ai territori, premiando il merito e la competenza, per rimettere le ali al nostro progetto. Una persona che non si arrende mai non sarà mai sconfitta. Non molliamo.

Export : destinazione mondo!

È online https://export.gov.it/ il portale unico per l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Un portale che nasce per essere un riferimento in grado di aggregare le informazioni di tutte le pubbliche amministrazioni che hanno strumenti utili allo scopo, ma anche e soprattutto per integrare i migliori strumenti tecnologici del XXI secolo e metterli al servizio degli imprenditori italiani.

In questa prima release troverete un portale sostanzialmente informativo, ma ne seguiranno altre due entro dicembre.
A progetto definitivo potrete contare su intelligenza artificiale, chatbot e machine learning per interagire con una piattaforma in grado di consigliarvi mercati e strumenti adatti alla vostra specifica attività, trascinandovi fuori dalla solita giungla di informazioni incomprensibili e spesso poco utili. Provatelo registrandovi e fateci sapere che ne pensate e come migliorarlo, avanti così.

VIAREGGIO: Porto e Spiagge in cerca di equilibrio

In questi 5 anni ho visitato tutti i porti della toscana, sia quelli di competenza nazionale come Marina di Carrara, Livorno e Piombino sia i 4 porti di competenza regionale Viareggio, Porto Santo Stefano, Isola del Giglio e Marina di Campo.

Viareggio è sede dell’autorità portuale regionale che ha competenza sui 4 porti e oggi insieme a Roberto Baccelli candidato a Sindaco di Viareggio e Paolo Pescucci Candidato Portavoce M5S Regione Toscana 2020 nel collegio di Lucca, abbiamo incontrato il Presidente dell’autorità regionale portuale per un focus sul porto di Viareggio.

A Maggio è stato approvato il piano di attività anno 2020/2023 e sebbene sia stata completata l’opera grezza della banchina commerciale nel dicembre 2019, l’intervento, a distanza di molti anni, non ha ancora le opere di completamento che permetterebbero un pieno utilizzo della stessa. Purtroppo è ancora in corso il progetto definitivo del sabbiadotto e ogni anno spendiamo circa 500.000 € per opere di dragaggio per rimuovere circa 100.000 mc di sabbia per il problema dei fondali. Per questo motivo non si riescono a fare nemmeno le carte nautiche!!! La politica deve scegliere che progetto di area vasta sostenere. Se l’obiettivo è la ricerca di un equilibrio tra l’attività del porto che ha più di 200 concessioni ed è sede dei principali cantieri nautici del mondo, e l’esistenza e salvaguardia delle spiagge, allora ogni intervento, incluso l’eventuale scogliera aggiuntiva, deve guardare tanto al dragaggio quanto alla lotta contro l’erosione costiera. Solo sostenendo il M5S votando Irene Galletti e Roberto Baccelli Sindaco di Viareggio possiamo raggiungere questi risultati. Noi vogliamo un porto certificato che garantisca la nautica da diporto. Chiediamo interventi per risolvere il problema dell’insabbiamento dei fondali e soluzioni contro l’erosione costiera delle spiagge. Abbiamo parlato anche della necessità di sostenere l’ecodragaggio come sistema innovativo che, in determinate circostanze, può essere la soluzione per i problemi ambientali ed economici.

Maremma è agricoltura, turismo, tecnologia

In questi giorni abbiamo portato avanti una serie di incontri a sostegno di Irene Galletti e dei candidati del collegio provinciale di Grosseto Luca Giacomelli e Daniela Castiglione.

Abbiamo incontrato il mondo degli agricoltori, degli agriturismi, la più importante realtà imprenditoriale di Castel del Piano e una MERAVIGLIOSA realtà di ricerca/sviluppo e trasferimento tecnologico della Maremma.

Con Confagricoltura e la Cia, che ringrazio per la disponibilità, abbiamo affrontato il problema dei bandi PIF che non sono ancora stati liquidati per intero, degli enormi problemi dei bandi regionali e della necessità di introdurre un prezzario regionale standard. La riforma dei bandi per renderli chiari, efficaci e veloci è una priorità. Come m5s condividiamo la necessità di intervenire sulla messa in sicurezza delle infrastrutture con particolare attenzione alla rimozione degli incroci a raso della Tirrenica e sulla necessità di elettrificazione dei collegamenti ferroviari. Nonostante le numerose esondazioni, rimangono irrisolti i problemi del Ponte dell’albegna e della sua sicurezza idraulica! La messa in sicurezza del territorio é una delle nostre priorità, Si alla manutenzione e alle piccole infrastrutture utili, No alle grandi opere inutili e dannose. Il settore degli Agriturismi, Florovivaismo e Vitivinicolo ha sofferto molto il lockdown e merita particolari attenzioni. La Maremma è anche tecnologica ed è per questo motivo che abbiamo visitato CERTEMA.CERTEMA è un progetto imprenditoriale privato che riunisce in un’unica struttura diversi ambiti industriali complementari (meccanica di precisione, costruzioni meccaniche, laser sinterizzazione (additive manufacturing), automazione, misura e analisi). Questa capacità industriale di riunire vari processi in un unico stabilimento, rende CERTEMA un sistema di servizi tecnologici unico e flessibile nel centro Italia.

Abbiamo bisogno di mettere in rete i poli tecnologici toscani e i centri di ricerca e sviluppo affinché siano un reale supporto all’innovazione per le imprese del territorio. A Castel del Piano abbiamo raccolto le criticità di chi vive e lavora per il territorio come la storica azienda dolciaria Corsini nata nel 1921; 100 anni di lotta contro chi ha permesso che ancora oggi, nel 2020, non ci sia un infrastruttura digitale nelle aree periferiche della regione. Non è facile fare impresa nelle aree periferiche della Toscana come a Casteldelpiano, che tra i boschi e il verde del Monte Amiata, domina dall’alto la Maremma Toscana ma è rimasta una terra abbandonata a se stessa! Il Movimento 5 Stelle é sempre stato a fianco delle aree periferiche con proposte per promuovere lo sviluppo, evitare lo spopolamento e contrastare la politica firenze – centrica. Digitalizzazione, messa in sicurezza del territorio, manutenzione delle strade, salvaguardia dei presidi ospedalieri sono alcune delle risposte non più rimandabili.

Ambiente più pulito per creare lavoro

Si è concluso oggi il ciclo di incontri con Elisa Giovannelli e Antonio Benussi, candidati 5 stelle alle regionali per il collegio di Massa Carrara, il presidente del M5S Toscana della X Legislatura Giacomo Giannarelli con il mondo delle imprese e del lavoro, in particolare Agepark, Ance e CNA.

L’incontro con i Campeggiatori di Massa Carrara, imprenditori del turismo, ha sottolineato l’importanza della tutela dell’ambiente come leva per il rilancio economico.Sono stati diversi i temi trattati: dall’erosione costiera, al ripascimento del secondo lotto da Ronchi a Marina di Carrara, dagli eterni divieti di balneazione per la cattiva depurazione delle acque reflue, al tema degli onerosi costi della TARI derivanti da una poco lungimirante pianificazione regionale dei rifiuti.

‘’La tutela dell’ambiente è una priorità anche in termini di sviluppo economico. Avere un mare pulito e una costa in sicurezza non è solo una questione ambientale ma anche un elemento per garantire benessere e lavoro a tutti gli Apuani’’ ha dichiarato Elisa Giovannelli, capolista M5S nel collegio di Massa Carrara.L’incontro con ANCE si è concentrato sul tema del decreto rilancio e sul Superbonus del 110% una vera ‘’rivoluzione’’ che rilancerà tutto il settore dell’edilizia sostenibile e delle costruzioni. ‘’Abbiamo raccolto apprezzamento per il decreto rilancio per il superbonus del 110%. Finalmente governo, imprese e banche sono pronte per la trasformazione green delle nostre case. Sono un perito tecnico del settore e confermo la grande richiesta da parte dei cittadini di interventi che vanno in questa direzione, un vero intervento che porterà risparmio energetico e nelle bollette dei cittadini e nuovi posti di lavoro’’ Ha dichiarato Antonio Benussi candidato M5S nel collegio di Massa Carrara.L’incontro con CNA, con la presenza dell’assessore alle attività produttive di Carrara, Andrea Raggi, ha focalizzato l’attenzione sulla necessità di una riduzione della burocrazia e sul sostegno al distretto nautico e al Travel Lift che per la prima volta nella storia è stato previsto e inserito in tutti gli atti di pianificazione dell’amministrazione pentastellata del Comune di Carrara. Maggiori spazi per la nautica per creare posti di lavoro.”Lascio una grande eredità politica, fatta di atti, proposte, azioni, chilometri e non di vuote promesse elettorali. La più grande soddisfazione è essere stato il consigliere regionale che ha fatto più atti di tutto il consiglio e di vedere riconosciuto questo duro lavoro dai miei concittadini e dal mondo delle imprese. La trasformazione politica e sociale è stata avviata, ora abbiamo bisogno di eleggere Apuani in consiglio regionale affinché la nostra terra sia rappresentata e non sia dimenticata dai Fiorentini che governano la regione.’’ ha concluso Giacomo Giannarelli Presidente M5S X Legislatura.

Acqua pubblica SUBITO!

Nel 2017 ho presentato una proposta di legge per l’acqua pubblica in Toscana: #acquatoscanapubblicahttps://giacomogiannarelli.it/…/05-norme-per-la-tutela…/, che si fonda su cinque pilastri: – la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato- una nuova governance partecipata- un fondo solidaristico per fasce deboli – 50 litri d’acqua al giorno gratuiti per abitante – utilizzo sostenibile della risorsa idrica.L’acqua pubblica è una delle stelle identitarie del MoVimento 5 Stelle.

Ne ho fatto una mia battaglia personale durante tutta la legislatura.

In Toscana oltre il 30% della rete idrica registra perdite, il 22% della popolazione non è collegato ad un impianto di depurazione, il 12% non è allacciato addirittura ad un sistema di fognatura. Tutto questo in un settore in cui ci sarebbero opportunità di sviluppo economico e di nuova occupazione se si facessero investimenti e si adottassero le migliori tecnologie per l’economia circolare. I cittadini hanno votato SI per l’acqua pubblica nel referendum del 2011. Bisogna rispettare la loro volontà. L’ho ricordato ad un convegno organizzato in Regione Toscana.Acqua Pubblica Subito!

Basta giochetti elettorali, la Regione lavori seriamente per il futuro di Imm

Carrara – Dopo gli impegni presi dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e l’assordante silenzio dei candidati del Pd alle regionali sulla questione Imm, il presidente del Movimento 5 Stelle Toscana della X legislatura, Giacomo Giannarelli, lancia un grido di allarme: «Impegni disattesi. Il tempo passa e il futuro di Imm diventa sempre più drammaticamente incerto. È arrivato il momento di dire basta. Il Pd, in piena campagna elettorale, sta facendo solo melina per rinviare la questione al dopo elezioni. Ma il tempo è prezioso e adesso è il momento di lavorare seriamente per salvaguardare questa azienda e i suoi lavoratori».

Giannarelli ricorda che le politiche regionali hanno causato «gravi difficoltà all’azienda. Non possiamo dimenticare che dal 2017 a oggi, la Toscana ha versato tutti gli anni 400mila euro per finanziare un evento dedicato alla nautica che si tiene a Viareggio e che è in aperta concorrenza con Seatec, uno dei principali appuntamenti nel cartellone di
Imm, che ne ha ovviamente risentito in modo negativo». Il consigliere regionale, che ha partecipato al tavolo dedicato tenutosi in Provincia a inizio agosto ricorda: «Rossi si è presentato come il salvatore della patria, proponendo una ricetta magica che però non è arrivata. Per il 20 agosto aveva promesso tanti soldi e un nuovo amministratore ma i fatti lo hanno smentito. Nel frattempo il suo aspirante successore, Eugenio Giani e i candidati del Pd non osano nemmeno affrontare il tema delle condizioni in cui versa l’azienda di cui il loro partito esprime i 2/3 del Cda».

Giannarelli rivendica il lavoro svolto dall’amministrazione del sindaco De Pasquale: «Il vicesindaco, titolare della delega alle Partecipate, ha sempre dimostrato atteggiamento di grande responsabilità, confrontandosi in modo costruttivo con l’amministrazione regionale e collaborando alle richieste che arrivavano sulla modifica dello Statuto e la stipula dei patti parasociali. In tempi davvero non sospetti, il sindaco aveva già posto la questione a Rossi mentre il vicesindaco aveva proposto di far uscire Imm dallo stallo in cui si trova procedendo alla nomina di una nuova governance con una serie di solleciti rimasti del tutto inascoltati dalla Regione. Il timore – attacca il capogruppo pentastellato – è che oltre ai calcoli elettorali ci sia un vero e proprio piano che punta a far naufragare un’azienda strategica per l’intero territorio con l’obiettivo di far mettere a qualcuno le mani sul patrimonio immobiliare di Imm con buona pace dell’azienda e dei suoi lavoratori».

Art. da : “La Voce Apuana” 28 agosto 2020 https://www.voceapuana.com/politica/2020/08/28/basta-giochetti-elettorali-la-regione-lavori-seriamente-per-il-futuro-di-imm/32046/?share_from=facebook&fbclid=IwAR2HS2xvAVv98cpeNYh6bX769huDUjgEveXWgR2rqCBc3ggeoSTQjjSPWVM

Finalmente una detrazione fiscale al 110%

Grazie al Superbonus, chiunque farà lavori di efficientamento energetico o prevenzione antisismica potrà usufruire di una detrazione fiscale pari al 110% della spesa sostenuta.

Un vantaggio enorme sia per le persone che ristrutturano che per le aziende che effettuano i lavori.

L’incentivo, da ripartire in 5 anni, riguarderà le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Per avere l’aliquota privilegiata del 110%, gli interventi di riqualificazione energetica dovranno essere tali da garantire l’incremento di due classi energetiche dei condomìni o delle singole abitazioni sui quali verranno realizzati o almeno garantire il passaggio alla classe più alta.

utte le informazioni le trovate a questo link: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Guida_Superbonus110.pdf/49b34dd3-429e-6891-4af4-c0f0b9f2be69?fbclid=IwAR1qyt2t4Un0aiMgJNQPv-wxr9KDBIWHiuHQ_EkINnauKy0R-IXX8RZIZ4Q

Piano Operativo Comunale Carrara

Ieri è stato adottato dal consiglio comunale il Piano Operativo Comunale, uno strumento urbanistico di fondamentale importanza per disegnare la Carrara di domani.

In questo piano si parla di contenimento di consumo del suolo, di resilienza della città, di rigenerazione urbana, di sviluppo economico basato sulla tutela ambientale.

L’ambiente è al centro di questo piano. Dentro ci sono moltissime cose a lungo attese: c’è il parco a Villa Ceci, c’è il recupero della ex-stazione della marmifera di San Martino, c’è la salvaguardia delle aree agricole della zona di Anderlino, c’è la previsione di togliere dal degrado il parcheggio dei camion sul lungomare, c’è il recupero del vecchio tracciato della marmifera come pista ciclo-pedonale che unisca la stazione al centro storico, stazione che è previsto venga modificata, con nuovi parcheggi e un migliore collegamento al tessuto urbano. C’è il recupero della ex-segheria corsi, ci sono nuove aree verdi e nuovi parcheggi, di cui la città ha moltissimo bisogno. C’è una grande attenzione al rischio idraulico che la città molto ha pagato negli anni. E molto altro che è impossibile riepilogare in poche righe.Nel frattempo, solo ieri, è uscita sulla stampa la notizia che partiranno in tempi ormai brevi i lavori (lotto 4 del waterfront) per restituire la passeggiata sul molo ai cittadini. Anche grazie all’adozione da parte del consiglio comunale del DPSS, uno dei primi comuni italiani (se non il primo) ad aver approvato questo nuovo strumento urbanistico di interfaccia tra porto e città. Una passeggiata straordinaria, sospesa sul mare da cui nelle giornate terse si possono ammirare da un lato le isole dell’arcipelago toscano e dall’altra sembra di toccare le Alpi apuane, tornerà quindi fruibile da cittadini e turisti dopo oltre 30 anni di chiusura.La settimana scorsa è stato approvato dal consiglio il progetto di tracciabilità del marmo, grazie alle nuove tecnologie, sarà possibile tramite una APP scaricabile da chiunque vedere tutta la storia di un blocco di marmo a partire dalla cava da cui è stato estratto. Una vera rivoluzione non solo in termini di trasparenza.Poche settimane fa sono stati approvati i Piani dei Bacini Estrattivi e il Regolamento Agri Marmiferi, anche questo lungamente atteso. Su questo tema ci sono sensibilità differenti, gli industriali si lamentano tanto quanto gli ambientalisti, ma credo sia stato fatto il massimo restando nella cornice che il quadro normativo regionale e nazionale ci consentiva. In particolare nei PABE ci sono delle previsioni di cui credo non sia stata del tutto compresa la portata.Nel frattempo stanno andando avanti i lavori per migliorare i servizi della spiaggia libera “ex-idrovora” dove verranno installate nuove strutture, finalmente degne di una località balneare, con docce, servizi, spogliatoi, area beach-volley, area fitness e una piccola struttura adatta ad accogliere un punto ristoro. Tutto in materiale ecologico con grande attenzione alla accessibilitàSta partendo sempre in questi giorni il nuovo servizio di raccolta porta-a-porta dei rifiuti in gran parte della città, che consentirà di raggiungere finalmente percentuali di raccolta differenziata non solo in linea con la legge, ma degne di un paese civile.Si stanno facendo ancora in questi giorni i lavori per restituire il palco della musica alla città nel mentre che si stanno rifacendo strade e marciapiedi in molte zone, in particolare marina est ed è stato accesso il mese scorso il mutuo per rifare finalmente la scuola Giromini, anch’essa chiusa da molti anni. E’ stato approvato sempre in questi giorni il progetto per riaprire la curva nord dello stadio e in queste settimane si stanno facendo lavori di efficientamento energetico e messa in sicurezza di diversi edifici scolastici.Infine è uscita nei giorni scorsi la notizia che partiranno a brevissimo i lavori per la rotatoria all’uscita dell’autostrada, dove è previsto anche un parcheggio scambiatore, come hanno ormai tutte le città moderne. Oltre che una questione di sicurezza e di praticità, la mancanza di questa rotatoria è stato il motivo adotto in tutti questi anni dalla proprietà del “marble hotel” per non completare i lavori. Anche questo ostacolo sta per essere rimosso.Certo i problemi irrisolti sono moltissimi, certamente tutto quanto fatto è perfettibile, forse si poteva anche fare più fretta, ma di sicuro questo ultimo mese ha visto concretizzarsi un lavoro che durava da anni, lavori in cui il Consiglio Comunale è stato protagonista, assieme al sindaco e assessori, che mi sento di ringraziare in ogni suo componente.